Perchè un database? Perchè un database?

Risultati della prima fase di lavoro Risultati della prima fase di lavoro

Dopo una prima fase di lavoro avvenuta nel 2010 i risultati ottenuti nel progetto DaBaCU sono evidenti:

• 41 università coinvolte
• 374 progetti di cooperazione universitaria inseriti
• 127 progetti validati
• 44 corsi accademici inseriti

• 6 webinar su temi di interesse della community
• 7 approfondimenti periodici su progetti specifici e 5 newsletter inviate (nell'arco dei 7 mesi di avvio e sperimentazione delle attività della community)
• 2200 visitatori unici sul portale

Il progetto è riuscito a dare risposta agli obiettivi definiti dal Ministero e, nello stesso tempo, ad intercettare alcuni dei bisogni degli Atenei rispetto al tema della cooperazione e del lavoro che viene da loro svolto in questo campo. Si è innescato un processo di inserimento e validazione dei progetti realizzati da ciascun Ateneo; nello stesso tempo gli Atenei hanno potuto dare visibilità al lavoro svolto e ai propri progetti valorizzando i risultati e le competenze raggiunti. La community è stata anche l’occasione per confrontarsi con esperienze simili alla propria ed approfondire tematiche trasversali. E’ stata registrata una grande partecipazione da parte dei diversi soggetti coinvolti e si è dato avvio ad una comunità viva che ha individuato (e continua ad individuare) DaBaCU come punto di raccolta e di riferimento.

Il progetto Il progetto

DaBaCU nasce come risposta alla necessità di creare un Database che consente la raccolta sistematica e in tempo reale delle iniziative delle Università italiane in tema di Cooperazione allo sviluppo.
DaBaCU non si limita alla creazione di un database ma è innanzi a tutto una community online per gli attori della cooperazione in ambito universitario.

Tale community  ha l'obiettivo di avviare concrete attività di collaborazione che, attraverso la condivisione dei dati sui differenti progetti, valorizzino le potenzialità delle Rete più utili in questo contesto:
•    accessibilità che assicuri l'aggiornamento e l'utilizzo delle informazioni da parte di un'ampia comunità allo scopo di assicurare un reale coinvolgimento degli attori della Cooperazione,
•    interattività che faciliti la nascita, lo sviluppo e l'aggregazione di nuove idee,
•    multimedialità per facilitare la comunicazione di attività e obiettivi anche ad un
pubblico più ampio.


Le attività della community sono di vario genere e sono focalizzate non tanto sugli eventi quanto sulle persone che li animano. Si possono suddividere in tre categorie:
-    attività live che richiedano la partecipazione attiva  degli attori della community (web seminar tematici e web workshop di discussione di progetti o aree progetti specifici) che richiedano la partecipazione attiva
-    "rubriche" mensili, ovvero:
o    Newsletter periodiche di aggiornamento sulle attività della community
o    Focus su progetti specifici (rubrica: "il progetto del mese")
o    Focus su personaggi di interesse (rubrica: "il personaggio del mese")
o    Segnalazioni di eventi di interesse per la community
-    attività su richiesta da parte di partecipanti alla community che esprimono particolari necessità (organizzare una webconference, utilizzare uno spazio di community e strumenti dedicati per uno specifico obiettivo, etc..)
 

Giornata di avvio del progetto - 28 aprile 2010